Il lato umano dell’innovazione – Puntata #8| Blog in Black Tie
21633
post-template-default,single,single-post,postid-21633,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.8.1,vc_responsive

Il lato umano dell’innovazione #8: business e sostenibilità


Prosegue il ciclo di episodi dedicati all’economia circolare della web series Black Tie Professional Il lato umano dell’innovazione. In questa 8° puntata, Karina Litvack, Board Member ENI, ci illustra una molteplicità di aspetti legati all’opportunità di fare business in maniera sostenibile.

 

 

 

 

OTTAVA PUNTATA:

BUSINESS E SOSTENIBILITÀ

 

Se pensiamo ai macro temi della società come elementi transitori, caratterizzati da una “curva di interesse” specifica che ne descrive l’andamento, dovrebbe risultare più chiaro il ruolo che il direttivo di un’azienda si trova a dover affrontare per garantire un buon business e un’impeccabile compliance.

 

È una dinamica di base dell’evoluzione, che prevede obiettivi in alternanza continua: quello che era impensabile una volta, oggi diventa un obiettivo. E una volta raggiunto l’obiettivo esso diventa un must, così si passa a un’altra sfida, un altro obiettivo da raggiungere.

 

Per un’azienda, la sfida di oggi è la sostenibilità, ci ricorda Karina Litvack, membro del consiglio di amministrazione ENI. Sostenibilità come pianificazione di progetti a lungo termine che metta i diritti delle persone e la tutela dell’ambiente al primo posto nella definizione delle strategie per fare business. Sì perché sostenibilità non significa volontariato, significa rispetto: fare business con rispetto.

 

È proprio qui che entrano in gioco le persone, la loro cultura e le loro relazioni. Le persone coinvolte nei processi decisionali aziendali sono molte e le posizioni molto differenti  -che spesso devono essere coinciliate – fanno comprendere come l’approccio alla sostenibilità non possa che essere “totale”.

 

Visione dall’interno e prospettiva esterna: management, consiglio di amministrazione, investitori. Perché la sostenibilità non è imposta dal CEO, ma costruita grazie alla lungimiranza, intelligenza e sensibilità dell’intero sistema. E non basta certo limitarsi a guidare l’azienda: serve un processo di attivazione delle parti, di leva sul management per accettare la sfida. Si tratta di far uscire dalle rispettive zone di comfort per intraprendere un – impegnativo – percorso di attivazione in cerca di nuove opportunità.



LASCIA LA TUA EMAIL:

SEGUICI SU:

COPYRIGHT © 2014 BLACK TIE                       Black Tie di Nicolò Boggian & Co. S.a.s.C.F./ P.IVA: 02394650036